• 0.000000lag
  • 0.000000lag
  • 0.000000lag
I wearable come i trenini?

“Che differenza c’e’ fra il seno di una donna e un trenino elettrico? Nessuna: sono fatti tutti e due per i bambini, ma ci giocano i grandi!”.

E perché i wearable hanno qualcosa in comune con i trenini? Perché sono nati per il consumer, ma ci giocano le imprese.

E’ di questi giorni l’annuncio che Big G ha deciso di sospendere la produzione dei Glass come sono ora e di far diventare il progetto Glass un’impresa indipendente, riprogettando il dispositivo per renderlo un prodotto commerciale al passo coi tempi e non solo un oggetto dei sogni elettronici dei fan dell’hi-tech. E’ il segno che i wearables sono un fallimento? E’ il segno che non dobbiamo occuparcene?

Per dare una risposta dobbiamo capire che gli scenari di evoluzione sono diversificati.

Il mercato consumer, al centro dell’attenzione parlando di tecnologie indossabili, è ancora incerto ed immaturo. Secondo alcune delle evidenze emerse sulle abitudini dell’utenza wearable americana da una recente ricerca PwC, i consumatori sono convinti che i nuovi device indossabili siano estremamente utili in molte attività quotidiane ma non invogliati a usarli sul lungo periodo. Tra gli oltre mille intervistati, il 20% è risultato già possessore di un indossabile, ma il 33% di chi ha comprato un indossabile da più di un anno ha smesso di usarlo o lo fa raramente. Secondo i consumatori sono tre le grandi opportunità offerte dai device indossabili:

  • innanzitutto, la sicurezza: il 90% degli intervistati sostiene le tecnologie indossabili possono essere di aiutino per i genitori a proteggere i loro figli;
  • segue la salute: l’80% ritiene che esse siano utili per favorire una vita sana e accesso alle cure mediche;
  • infine, la semplicità: l’83% sostiene che i wearable possano semplificare azioni di controllo della propria salute.

Diverso e più intrigante, lo scenario potenziale di utilizzo in ambiente aziendale. A seguire il punto di vista di importanti analisti che concordano sulle potenzialità di utilizzo delle tecnologie indossabili per migliorare le performance aziendali:

Non c’è dubbio: il mercato dei wearable soffre di una bolla hype. Ma va ricordato che la stessa Internet ha sofferto di un hype nel 1999, rivelando però poi che era importante proprio come alcuni avevano prefigurato. Analogamente i wearables – e le app, il software ed i servizi che rendono i wearables di valore – cambieranno il modo di lavorare (mercato enterprise) ed il modo di gestire la propria vita (mercato consumer). Le imprese hanno bisogno di cominciare a mettere insieme una roadmap per pensare a come i wearables possono migliorare le loro aziende nei prossimi anni. In altre parole le aziende devono intraprendere ora i primi passi dell’”Enterprise wearables journey”.”

Forrester

Tutti parlavano di wearable. Ma se un orologio intelligente potrà guadagnare slancio sul mercato consumer quando diventerà un accessorio di moda, un orologio o ciondolo intelligente usato sul lavoro, come un retail store, potrebbe fornire un utile supporto per controllare le disponibilità di magazzino.

Angela McIntyre (Research Director di Gartner) parlando al Consumer Electronics Show

I dispositivi wearables sono pronti per le imprese. Il wearable computing ha molte forme, come occhiali, orologi, spille intelligenti e bracciali. Il potenziale è enorme per rimodellare come il lavoro viene fatto, come vengono prese le decisioni, e come si ingaggiano i dipendenti, clienti e partner. I wearables permettono di portare tecnologie in scenari precedentemente proibitivi in cui la sicurezza, la logistica o le normative vincolavano l’utilizzo di computer portatili e smartphone. Mentre i wearables per il mercato consumer sono oggi al centro dell’attenzione, ci aspettiamo che sia il business a guidarne l’accettazione, sviluppando use case trasformativi.

Deloitte

…ci sono grandi opportunità per la diffusione delle tecnologie indossabili in ambito aziendale, con business case di miliardi di dollari di risparmi, soprattutto in settori specifici e per alcuni lavoratori. Accenture Technology Labs ritiene che i wearable inizieranno con le aziende, non i consumatori. Perché? Per cominciare, perché i wearables possono incrementare l’efficienza dei dipendenti fornendo l’accesso ai dati in tempo reale lasciando libere le mani per tenere strumenti o attrezzature. I display indossabili possono anche abilitare nuovi livelli di collaborazione video, per esempio, collegando i lavoratori sul campo con i colleghi più esperti, che possono vedere esattamente ciò che sta vedendo il ricercatore sul campo. Infine i wearables possono rendere più facile e veloce prendere decisioni, riducendo il tempo tra intenzione ed azione letteralmente a secondi.

Accenture

Il futuro dei wearables passa innanzitutto attraverso le imprese che devono immaginare come wearable saranno in grado di creare nuove opportunità di business: l’ascesa dei dispositivi indossabili creerà nuovi mezzi per il marketing, compresi i più intelligenti e robusti sistemi per la raccolta dei dati dei clienti, e più forti spunti per l’interazione con l’utente.

PwC

La risposta è più che chiara, al di là degli sviluppi ancora incerti del mercato dei dispositivi indossabili per i consumatori, le aziende devono cominciare a capire se ci sono opportunità interessanti per migliorare il proprio business. Le aree potenziali di utilizzo sono svariate come ci suggerisce il Simposio internazionale di Seattle:

  • wearables nell’industria, nella produzione, negli uffici, per i lavoratore in mobilità, per le costruzioni;
  • wearables per l’insegnamento e l’educazione, Scienze ambientali, urbanistica e architettura;
  • wearables e smart-clothing in medicina, benessere, assistenza sanitaria, per supportare le disabilità e gli anziani;
  • wearables che abilitano ambienti assistiti;
  • wearables nella psicologia e scienze sociali;
  • Interazioni uomo-robot;
  • wearables nella cultura, nella moda e nelle arti, sport e musica;
  • wearables nelle folle, in grado di rilevare ed influenzare comportamenti collettivi;
  • Integrazione dei wearable in sistemi più grandi, come sistemi di realtà aumentata, sistemi di training e sistemi progettati per supportare il lavoro collaborativo.

Per individuare le aree a maggiore potenziale nella propria azienda va considerato che i wearable consentono agli utenti di andare a mani libere. Può allora essere utile per personale d’emergenza, squadre di soccorso e addetti al magazzino mobili, dove i wearable possono fornire mobilità high-tech e funzioni di tracciabilità. Gli smartglass possono essere utili per i tecnici che hanno bisogno di consultare un manuale o un insieme di schemi durante l’esecuzione di riparazioni. I wearables possono anche essere in grado di gestire in remoto apparecchiature, come i macchinari alla catena di montaggio, rendendo il luogo di lavoro più sicuro. In generale, i wearable posso aiutare qualsiasi utente che ha bisogno di un accesso istantaneo ai dati importanti, come lavoratori in locazioni remote, che possano beneficiare di accesso real-time a risorse non disponibili localmente.

Chiudiamo queste considerazioni con qualche accenno relativo al tipo di device che sono da considerarsi tecnologie indossabili. Come nel caso dell’Internet of Things, non parliamo, infatti, di un prodotto ma di un ecosistema di tecnologie che, ovviamente, avranno diversi scenari di sviluppo e di applicazione, fortuna e sfortuna… Un sito specializzato ha censito quasi 300 device classificati per aree di applicazione e per parti del corpo. Fra i più diffusi, occhiali e lenti a contatto, fasce e bracciali, orologi, indumenti vari e tessuti intelligenti, cuffie e berretti, gioielli (come anelli e bracciali), ma anche apparecchi acustici progettati per apparire come orecchini… Ci sono anche versioni più invasive di dispositivi impiantati come i micro-chip od i tatuaggi intelligenti.

Cari lettori è il momento giusto per tornare a giocare con i trenini…. :-)

Commenta